Conoscere le rose - Il Calicanto
1315
post-template-default,single,single-post,postid-1315,single-format-standard,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_768,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Conoscere le rose

All’interno della famiglia delle rose si possono trovare piante per ogni esigenza: per orientarsi nella selezione si possono seguire due linee guida principali che esprimono i due distinti raggruppamenti delle rose: 1) per ascendenza, 2) per portamento. In vari capitoli proveremo ad affrontare entrambi i gruppi in modo quanto più esaustivo.

Le antenate di tutte le rose da giardino sono quelle selvatiche, che crescono spontaneamente in natura: tra queste, le più conosciute sono Rosa canina e Rosa spinosissima.

Le caratteristiche principali delle rose antiche si possono individuare in quattro fattori: 1) il portamento è arbustivo; 2) la fioritura è abbondante ma unica, anche se ci sono casi isolati di rose antiche orientali rifiorenti; 3) la dimensione dei fiori è medio-grande; 4) i fiori sono molto profumati. Sotto la denominazione ‘rose antiche’ vanno le qualità introdotte prima del 1867, del 1900, del 1945, a seconda delle teorie. Questa famiglia comprende le rose antiche orientali e le rose antiche europee. IL primo gruppo comprende cultivar risalenti fino a mille anni fa, mentre delle rose antiche europee non abbiamo testimonianza scritte antecedenti al 1400.

Capitolo 1: Rose antiche orientali.

All’interno di questo primo gruppo troviamo le rose cinesi, le rose tea, e le rose noisette. Le rose cinesi sono le più antiche tra le vecchie rose: alcuni esemplari (Old Blush, Salter’s Crimson) risalgono a più di mille anni fa. Il loro grande successo in Europa, dopo che vi furono introdotte intorno al 1750, si può legare alla peculiare rifiorenza delle rose cinesi, che nei climi caldi copre quasi tutto l’anno. Le rose tea, di comune ascendenza delle cinesi, prendono il loro nome dal profumo delle foglie di tè cinese, comune a molte rose. Generalmente molto delicate, hanno la qualità di sopportare bene la siccità; dall’elevata rifiorenza, le rose tea si sviluppano in cespugli di media grandezza. Le rose noisette, ibridi della rosa cinese Old blush e di Rosa moschata selvatica, sono una qualità molto rustica, rampicante o semi rampicante. La fioritura, molto abbondante durante l’intero periodo della crescita, si presenta con masse di piccoli fiori agglomerati.